Biografia

C_35_inviato_65_GroupInviato_listatakesscheda_itemTake_0_fotoscheda

A vent’anni ero cronista rock ai nascenti telegiornali di Videonews – TG5, TG4, Studio Aperto. Una redazione trasversale che mi consentiva di portare le voci dei grandi eroi pop a un pubblico diversificato. Un decennio di concerti e interviste su sesso, droga e rock ‘n roll ma anche su relazioni personali e impegno.

A trent’anni sono diventata madre e ho maturato la consapevolezza che il più grande tesoro che lasceremo alle future generazioni, la Terra, era in grande pericolo. Mi sono tuffata nella voragine tra ciò che sappiamo e come viviamo, sperimentando soluzioni rigeneranti, capaci di accompagnare la crescita dei bambini in modo sano e di consentire ai sistemi naturali di ritrovare un equilibrio. Partendo dall’alimentazione alla cura del corpo, gli arredi e i materiali per pulire in casa, mi sono lanciata in un’avventura di creativa trasformazione a 360 gradi, scoprendo infinite opportunità.

Nel passaggio al nuovo millennio ho lasciato le news Mediaset per curare un canale satellitare sull’abitare perché coerente con la mia missione. Abitare TV vive una stagione felice poi chiude con la fusione tra Stream e Telepiù.

Ho quarant’anni, e quella fine coincide con un nuovo inizio: la nascita del nostro terzo figlio. Scelgo di lavorare da casa e di scrivere dei temi che tanto mi appassionano. Da dipendente a freelance. Scrivo il mio primo libro, Tentativi di Eco Condotta (Rizzoli, 2008), una collezione delle mie soluzioni sostenibili. Antonio Ricci, conquistato dal tono propositivo e leggero del testo, mi propone di tenere una rubrica a Striscia la notizia. Nasce così Occhio allo Spreco, e l’appuntamento del sabato sera è subito successo. Divento l’unica voce propositiva in un programma di denuncia e per 5 anni racconto storie di individui, aziende e amministratori pubblici che hanno un impatto positivo sulle persone e sull’ambiente. La ricerca mi impegna molto e accumulo una vasta conoscenza su criticità e opportunità per alleggerire i nostri stili di vita. Scrivo il secondo libro che porta lo stesso titolo della rubrica. Occhio allo Spreco edito da Rizzoli (2009) poi BUR (2010) mi consente di approfondire. Nel frattempo, durante una conversazione con Nino Tronchetti Provera sull’educazione ambientale, nasce l’idea di un libro per le scuole. Io scrivo, lui sponsorizza. Tondo Come il Mondo, edito da Giunti Progetti educativi e Fondazione Ambienta (2010), viene distribuito a 2000 classi di 3,4,5 elementare sul territorio nazionale. Con la stagione 2016-2017 la comunità dei piccoli amici di Bob, la mascotte del manuale, conta 400.000 bambini.

Crescono conoscenza ed esperienza e i 4 minuti che Striscia mi concede per raccontare le mie storie mi stanno sempre più stretti. Ci vorrebbe più tempo per spiegare i processi, parlare delle complessità, portare a confronto approcci diversi ma sinergici e consentire alle persone interessate di passare dall’informazione all’azione. La mia missione è di accompagnare in modo pratico un cambiamento sociale ed economico. Nel 2013 sospendo Occhio allo Spreco e torno a fare ricerca.

Com’è possibile che, collettivamente, non sentiamo l’urgenza di modificare abitudini superate dalla realtà dei fatti?

Le mie indagini mi portano a conoscere organizzazioni internazionali e ricerche scientifiche che confermano quanta intelligenza aspetta di essere espressa.

Durante le estati dal 2012 al 2014, scrivo la rubrica estiva A Passo Leggero sul Corriere della Sera, una collezione quotidiana di esperienze di trasformazione. Nel 2013 Elisabetta Sgarbi, direttrice Editoriale di Bompiani, vede l’opportunità di riproporne lo spirito in un libro.

Nel 2014 esce presso Bompiani A Passo Leggero – esercizi di introspezione e circospezione, storie di empatia con il mondo e con noi stessi, raccolti attorno ad un’intervista con il neuro-scienziato Giacomo Rizzolatti, scopritore del meccanismo specchio. Rizzolatti e il suo team, all’università di Parma hanno dimostrato che siamo disegnati per sentire con l’altro. Una conferma che esercitare l’empatia è necessario in un mondo sempre più diviso.

Mentre il libro va in stampa ricevo un invito come cronista alla Singularity University, la scuola di futuro nel centro di ricerca della NASA a Ames, in California. Propongo a Ricci una nuova serie, Occhio al Futuro, e torno in onda sul TG satirico. I servizi ampliati e in lingua originale (con sottotitoli) vengono trasmessi online su Corriere.it con Futuro Presente e sul mio blog, per diffondere le testimonianze dei più grandi esperti al mondo di tecnologie esponenziali. La serie indaga potenzialità e impatto di intelligenza artificiale, robotica, nanotecnologia e processori sempre più veloci ed efficienti. Esperienza che mi porta in contatto con innovatori che stanno cercando soluzioni alle grandi sfide dell’umanità.

Nella primavera 2015 sono invitata in Giappone, a Osaka, a parlare di empatia, dalla scienza all’esperienza al convegno scientifico Italy Meets Asia. Colgo l’occasione per intervistare alcuni esponenti della ricerca avanzata.

Cresce il mio desiderio di condividere non solo storie ma la mia esperienza e quando nasce l’opportunità di collaborare con Ashoka, la più grande rete al mondo di imprenditori sociali, la colgo con entusiasmo. Con loro sviluppo un workshop di storytelling all’interno del progetto This Works e scrivo insieme a Lavinia Ferné un testo che racconta il percorso dell’organizzazione e alcuni progetti che si stanno diffondendo in Europa.

Nel 2016 sono Direttore Responsabile del bimestrale maschile The Good Life,  giornale che nasce in Francia nel 2011 e che in tono colloquiale e schietto parla del nostro tempo. Dell’economia consolidata e di quella nascente.

Occhio al Futuro prosegue e sono inviata al SingularityU Summit di Amsterdam per parlare di tecnologie esponenziali. Nel 2017 sposto l’attenzione su idee italiane innovative, mentre il mio impegno con The Good Life prosegue come Editor at Large.

Ho cinquant’anni. Ora il mio desiderio è di allargare la conversazione sulla convergenza tra crisi sistemiche e tecnologie esponenziali. In mezzo ci siamo noi, umani in profonda trasformazione. Quali sono gli scenari futuri che stiamo disegnando oggi?

 

Curriculum Vitae 

 

 

 

 

 

11 commenti

  • […] meno per vivere meglio. È questo il messaggio che Cristina Gabetti vuole lanciare con Occhio allo spreco, libro edito da Rizzoli, con prefazione di Antonio Ricci. […]

  • Mario Rossi

    Okkio allo spekkio !

  • Stefania

    Ciao Cristina,
    il mio sogno è di fare bonificare tutte le aree ex industriali, piantando alberi a crescita veloce come pioppi e salici. Mi aiuti?
    Grazie

  • jolanda cammisa

    Buongiorno, sono Jolanda Cammisa docente della scuola primaria e referente del progetto della giornata della Pace di quest’anno 2014 Contro lo spreco alimentare.La conosco da tempo e vorrei sapere se sarebbe disponibile a venire presso la nostra scuola di Seguro il 12.03.2014 dove dedicheremo 2 ore della mattina a sviluppare il nostro progetto contro lo spreco con canti e lavori dei bimbi.Lei mi pare la persona più adatta a trasmettere non solo ai bimbi, ma anche ai genitori questo messaggio importante e positivo contro lo spreco.
    La ringrazio molto per l’attenzione e spero vivamente che ci possa fare questo immenso dono! Jolanda Cammisa

  • Cara Jolanda, accetto volentieri il suo invito. Mi manda una mail a cristinagabetti@gmail.com così posso contattarla? grazie

  • Selma Howell

    Cristina hai grandi qualità’ ‘La Passione’ e ”Credere’ trasmettono emozioni e forza = sei Virale❤️❤️

  • […] Chi è Cristina Gabetti […]

  • Bella la nuova rubrica su striscia! Complimenti!

  • desidererei contattarla. sono un pioniere della Bioedilizia se non il forgiatore del nome come può confermarLe la mia pubblicazione da 27 anni che può consultare in www,.Bioediliziaonline.it.
    Il mio scopo era quello di porttarLa a conoscenza di un libro sull’AIA di Verderio che mi farebbe piacere farLe avere per avere spunti concreti realizzativi. pùò consiultare il link:http://www.coverd.it/novita/index.php.
    Mi contatti pure: Verderio Angelo – Coverd – Via Sernovella 1- Verderio (lc) – tel 039 512487 – 3355660391. Atttendo con fiducia un Suo contatto e Le porgo i miei complimenti e cordiali saluti. Angelo

  • Ugo

    Ti segnalo un mio articolo apparso su “Il Mirino” e dedicato al tuo libro “Tondo come il mondo”
    questo il link
    http://ilmirino.it/2014/12/18/tondo-come-mondo-manuale-per-rispettare-lambiente/#more-3954
    Grazie
    Ugo

Lascia un commento

*